la Cerimonia di Uscita


In passato la Processione veniva allestita nel piazzale antistante la Congrega. Nel 1980 un violento sisma rese inagibile la piccola Chiesa dell’Arciconfraternita e i confratelli furono costretti a preparare il corteo processionale nella vicina palestra della Scuola Elementare. Nel 1986 la Chiesa venne riaperta al culto e l’anno dopo nacque la Solenne Cerimonia di Uscita della Processione in Visita agli Altari della Reposizione.

Da quel lontano 1987 tante cose sono cambiate e tante altre Confraternite hanno preso spunto per introdurre questa “buona pratica” per dare inizio alle loro processioni.

Resta fermo per gli Amministratori e i Cerimonieri della Santissima Annunziata l’obiettivo di presentare ai fedeli il cammino del Giovedì Santo in tutta la sua bellezza richiamandosi sempre alla penitenza, alla forza della fede e alle riflessioni fatte durante il cammino di preparazione quaresimale.

La Processione esce interamente dalla Congrega, i Cori, provenienti dalla Basilica e da un vicino Chiostro, si riuniscono nel corso di una suggestiva cerimonia nel Largo dell’Annunziata, dove, ogni anno, si assiepano centinaia di persone.

Dinanzi agli occhi partecipi delle persone prende vita il corteo processionale che andrà in visita agli Altari della Reposizione.

Per tale cerimonia nel 1996, Toni Della Ragione, un giovane compositore carottese, ha composto un brano musicale dal titolo “Preghiera”.

Dal 2004 ogni anno i testi e le musiche utilizzati per la Cerimonia di uscita sono stati approntati con grande cura e amore dal Collegio dei Cerimonieri.